Storia

04/01/2017

Dal corpo Automobilistico italiano all' Arma dei Trasporti, la storia in sintesi Leggi....

 

l motto araldico 

04/01/2017

Fervent Rotae Fervent Animi Leggi...

autoparco

data

I nostri automezzi, ex Esercito, i nostri mezzi storici, le nostre opere di restauro, Leggi.....

disclaimer

04/01/2017 

Ianaiprato.org non utilizza cookies ....Leggi.......

  

Organigramma

04/01/2017 

Struttura amministrativa della nostra sezione Leggi....

blog Wordpress

04/01/2017 

Il nostro nuovo blog Wordpress è online Vai___..

Fotoblog

04/01/2017 

Il nostro archivio fotografico di tutti gli eventi della nostra associazione Segui questo Link_____ 

Web Mail

Accedi alla nostra webmail  clicca qui___

Newsleter

Registrati per ricevere le nostre notizie Cliccando Qui___

 

 

 

 

126° Autoreparto pesante Russia 1941/1942

Autieri pratesi

Da sinistra in alto; Accalai, Gori, Mengoni, Rolli, Innocenti, Faccendi, Lenzi.

Da sinistra in basso: Rindi, Pacini, Allori, Tei, Ranfagni, Matteini, Bettarini.

Con la morte di Sergio Tei avvenuta il 16/06/2000 si chiude il ciclo della vita di tutto il gruppo.

 


Chi Siamo

La Sezione di Prato

Costituita nel 1970, la Sezione è da molto tempo “operativa a ogni tempo” nella Protezione Civile occupandosi del settore logistico con particolare efficacia nei trasporti, nel mantenimento dei propri veicoli e nel vettovagliamento in cui la capacità si concretizza nella preparazione e distribuzione di mille pasti all'ora.

Operativa nel volontariato di Protezione Civile dal 1986..... (a breve la storia della nostra sezione)

Il volontariato si sviluppa in Italia tra gli anni ‘70 e ‘80 come esigenza dei cittadini di contribuire alla costruzione del bene comune impegnando una parte del proprio tempo libero in attività di utilità sociale. La Pubblica Amministrazione ha accolto, negli anni, il volontariato come strumento a disposizione del Paese per dare risposte integrate nell'ambito dei servizi pubblici, in particolare dei servizi socio-sanitari e assistenziali.
Nel campo della protezione civile la prima legge organica del dopoguerra - che cita il volontariato - è la 996/70, successiva all’alluvione di Firenze. L’atto prevede la possibilità per i volontari occasionali e spontanei, come gli “Angeli del Fango”, di partecipare alla attività di soccorso e di essere iscritti in un elenco nelle Prefetture.


È la legge 225/92 - istitutiva del Servizio nazionale della protezione civile - che inquadra il volontariato organizzato e non occasionale e che gli riconosce il ruolo di "componente" (art. 6) e di “struttura operativa” del Servizio Nazionale (art. 11) assicurandone (art. 18) il coinvolgimento in ogni attività di protezione civile, con l’approvazione di un regolamento dedicato. In questi anni, inoltre, lo Stato tende a far riferimento soprattutto alle grandi organizzazioni con le quali collabora per il coordinamento nazionale del settore.
È con lo sviluppo di piccoli gruppi e associazioni nelle amministrazioni locali che si ampliano le specializzazioni e che il volontariato di protezione civile si integra con il servizio pubblico.

A.N.A.I. Sezione di Prato Operativa in Protezione Civile  ID 22/01  Decreto Nº 2127 del 20/05/2008

Settore Logistico:

Settore Tecnico:

Referente per la Protezione Civile: Francesco Carfì.

Per ulteriori informazini:

contatto@anaiprato.org

 

Organigramma della nostra sezione Leggi.....

 

 

Associazione Nazionale Autieri d'Italia

L'Associazione Nazionale Autieri d'Italia è nata al termine del primo conflitto mondiale quando, nel 1918, un gruppo di reduci automobilisti, spinti dal desiderio di ritrovarsi, promosse l'iniziativa di costituire un'associazione che li rappresentasse. Cosi nel 1921, in Milano, il comitato promotore fondò l'Associazione Nazionale Automobilisti in Congedo (ANAC). Nel 1951 fu costituita, in Roma, l'Associazione Autieri d'Italia e, dalla fusione delle due associazioni, il 23 novembre 1952, nasceva l'Associazione Nazionale Autieri d'Italia (ANAI), con sede centrale in Roma. Da allora l'ANAI è sempre stata attiva e partecipe delle vicende della vita nazionale al solo scopo di dare attuazione alle finalità statutarie che possono riassumersi in:

    Tenere vive, nell'amore e nella fedeltà alla Patria, le glorie e le tradizioni del Corpo Automobilistico dell'Esercito;

    Custodire ed onorare il ricordo degli autieri caduti nell'adempimento del proprio dovere;

    Riunire spiritualmente in un unico organismo gli autieri di ogni grado, in congedo e in servizio, cementandone i vincoli di solidarietà e cameratismo;

    Partecipare attivamente alle manifestazioni della vita nazionale nelle quali si esaltano i valori morali posti alla base delle finalità dell'associazione;

    Svolgere, in ambito locale, regionale e nazionale attività che abbiano per oggetto:
        - il volontariato per la protezione civile;
        - il superamento di difficoltà materiali e morali della collettività;
        - la sicurezza stradale;
        - l'addestramento motoristico.

Oggi l'ANAI, che è apartitica e apolitica, ha 114 sezioni sul territorio nazionale, una rappresentanza negli Stati Uniti e soci vari in Europa e nel Sud America per un totale di circa 14.000 iscriti, tra autieri in congedo e in servizio.
Possono far parte dell'associazione, quali soci: ordinari, coloro che siano appartenuti od appartengono ad enti e reparti del Corpo Automobilistico oggi Arma dei Trasporti e Materiali dell'Esercito; amici degli autieri, i familiari dei soci nonchè i cittadini che vogliano attestare la loro compartecipazione agli ideali e agli scopi dell'associazione.

L'Associazione pubblica, trimestralmente, il periodico "L'AUTIERE". Sia la Redazione del giornale che la Presidenza Nazionale e la Segreteria Generale possono essere contatti presso:

Via Sforza, 4  Tel. 06.4741638    Tel. 06.47355642  Fax. 06.4884523

Sito dell'Associazione Nazionale Autieri d'Italia Cliccare qui___







(Informativa sulla privacy)